sindrome di Osgood-Schlatter

ultimo aggiornamento: 6 Novembre 2020 alle 16:37

definizione

L’apofisite del tubercolo tibiale, una osteocondrosi dell’apofisi tibiale anteriore, è un processo degenerativo a carico della tuberosità tibiale, tipico dell’età pre-adolescenziale, quindi nei ragazzi, più frequentemente maschi, fra i 12 e i 15 anni; il più delle volte colpisce un solo ginocchio, ma si può verificare anche in entrambe le gambe contemporaneamente: con il cessare della crescita e della maturazione ossea e grazie alla calcificazione, in genere cessa la sua manifestazione. Il morbo di Osgood-Schlatter è un esempio di apofisite, cioè una osteocondrosi, caratterizzata dall’infiammazione di un’apofisi, ossia una proiezione o un’escrescenza di un osso del corpo umano.

Quando il legamento patellare, prolungamento del tendine del muscolo quadricipite ingloba la rotula, si inserisce nella tuberosità tibiale è in uno stato di tensione, alla presenza di alterazioni dell’accrescimento osseo, può comparire la sindrome di Osgood-Schlatter; questa sindrome è il risultato della concomitanza fra uno stress meccanico  continuo o ripetitivo, come nel caso di alterazioni posturali, micro-traumi o sovraccarico funzionale, applicato alla tuberosità della tibia in corrispondenza dall’entesi del muscolo quadricipite in contrazione, in corrispondenza dell’apofisi tibiale anteriore che non ha ancora completato il processo di ossificazione: la conseguenza è l’infiammazione e la frammentazione dell’osseo, con possibile avulsione osteo-tendinea, formazione di topi articolari ed eventualmente lo sviluppo di una sporgenza localizzata sotto la rotula e ben visibile anche dall’esterno.

In genere il processo degenerativo causerà dolore durante e dopo il movimento, anche minimo, in particolare in azioni che attivino il muscolo quadricipite come correre, pedalare salire le scale o scendere le scale; viceversa, il dolore migliora con il riposo.

Solitamente benigna, tende a scomparire spontaneamente anche se i sintomi possono perdurare anche una decina di anni: la completa maturazione scheletrica o l’ossificazione completa dell’apofisi tibiale causa la scomparsa della protuberanza e la risoluzione dei sintomi.

« Indice del Glossario