stressor

« Indice del Glossario

Letteralmente “fattore scatenante una risposta di stress” o “agente stressante”: il termine stress è in realtà un anglesismo derivato dal francese “estrecier” che a sua volta proviene dal lemma latino strĭctus (→ stretto); rappresenta lo sforzo, l’oppressione, la ristrettezza, per cui possiamo definire stress ogni agente in grado di scatenare una reazione “faticosa e onerosa” per l’organismo, alle mutazioni dell’ecosistema corporeo o ambientale. Per aferesi della parola distress (→ angoscia, dolore) può essere invocata come significante nel termine stressor, che diventa l’elemento che causa ansia, tensione nervosa, logorio, affaticamento psicofisico e  sofferenza. Concetto sviluppato da Hans Hugo Bruno Selye, neuro-endocrinologo, che fu il primo a dare la definizione di stress e a descrivere la Sindrome Generale di Adattamento; gli stressor possono essere fisici, metabolico-alimentari, affettivi, psicologici, ambientali o dipendere da pressioni socio-culturali: vengono percepiti soggettivamente come senso di urgenza, indipendentemente dal fatto che siano reali o dipendano da una pulsione individuale. Oltre alla natura dell’agente stressante sono rilevanti l’intensità, la frequenza, la durata dello stressor ed il “timing“: fattori stressogeni che superano la capienza dell’organismo, possono portare l’individuo allo stress cronico e alle malattie a esso associate.

« Indice del Glossario