… il mio neonato
ha la testa
che sembra ammaccata! …

Testa appiattita, romboidale … in pratica mi sembra che mio figlio abbia la testa strana, un po’ deformata …

Parliamo di plagiocefalia, ma anche di scafocefalia, oxicefalia o acrocefalia … parole che suonano strane ed un po’ spaventanti, ma che in fondo significano, semplicemente, che la testa del nostro neonato è un po’ stretta ed allungata verso l’alto oppure un po’ a cuneo o romboidale … insomma che non è quella bella testina più o meno tonda che ci saremmo aspettati!

“mi devo preoccupare?„ … “è possibile fare qualcosa?„

Iniziamo col dire, prima di tutto, che questa deformazione del cranio neonatale, spesso, non deve farci preoccupare più di tanto! Durante il periodo finale della gestazione, alla nascita e e durante i primi mesi di vita, le ossa del cranio sono facilmente modellabili e non fuse tra di loro, in conseguenza delle presenza di suture o fontanelle: si può ben capire che eventuali compressioni possono provocare deformazioni della testa del neonato che si manifestano o subito dopo il parto o durante i primi mesi.

Le forze che influiscono sulle ossa craniche esercitano una pressione esterna in grado di  alterare l’armonia della testa provocando compressioni nella zona posteriore, che fanno assumere alla testina del bambino una aspetto “ammaccato“, oppure premere sui lati della testa del neonato o nella zona parietale, anche se si tratta questo fenomeno si verifica più raramente. Ed ecco che  il cranio diventa allungato e stretto e assume una forma a cuneo (scafocefalia), oppure stretto e alto, a forma di torre (oxicefalia o acrocefalia) od, infine, torto e asimmetrico (plagiocefalia), di aspetto romboidale, con evidenti asimmetrie, come un orecchio in posizione più avanzata rispetto all’altro o un occhio più piccolo dell’altro.

Il Cranio-Sacral Repatterning® può essere considerato una tecnica di elezione, per il trattamento precoce della plagiocefalia: la possibilità di agire, senza rischi di trauma, sul neonato, fin dai primi giorni di vita; la delicatezza del contatto e la non invasività; l’efficacia nel riequilibrare le forze coinvolte nei rapporti fra le ossa del cranio, ne fanno una scelta preferenziale.

La competenza dell’artigiano della salute, specializzato in questa disciplina, permette un intervento precoce, spesso risolutivo: la normalizzazione dei rapporti ossei della teca cranica; la stabilizzazione delle forze che agiscono sulle suture craniche; l’intervento sulle tensioni conseguenti al parto, che si verificano nell’area sub-occipitale; la riequilibrazione della componente muscolare presente alla base del cranio e nel collo sono tutte aree che possono essere gestite competenza, nel neonato o nell’infante, per annullare tutte quelle componenti che possono alterare o perturbare il benessere del bambino.

“il cranio è la scultura della natura„
(David Bailey)

ulteriori informazioni e approfondimenti possono essere reperiti ai seguenti link:

Lascia un commento

Scroll Up