tendine patellare

ultimo aggiornamento: 6 Novembre 2020 alle 0:09

definizione

Detto anche legamento rotuleo o tendine rotuleo, è una banda di tessuto connettivo fibroso, che congiunge la rotula alla prominenza ossea presente sulla faccia anteriore dell’epifisi prossimale della tibia (tuberosità tibiale): è un componente strutturale fondamentale dell’articolazione del ginocchio, svolgendo un’importante azione di stabilizzazione assieme al legamento crociato anteriore, al legamento crociato posteriore, al legamento collaterale mediale e al legamento collaterale laterale; rappresenta un continuum con il complesso di tendini che congiungono il muscolo quadricipite femorale alla tibia, potendo essere considerato come la parte distale del tendine comune del muscolo. Il motivo per cui questa struttura viene definita talvolta tendine, talaltra legamento è che nel primo caso si privilegia la relazione con al componente muscolare, nel secondo si sottolinea la funzione stabilizzatrice e di connessione fra la rotula e la tibia.

descrizione

Piatto, largo e lungo, il tendine rotuleo è la banda di tessuto connettivo, che decorre dalla parte inferiore della rotula alla tuberosità tibiale: dotato di buona resistenza, ha il compito di mantenere la rotula nella posizione corretta e di supportare il muscolo quadricipite femorale nell’azione di estensione del ginocchio; è una struttura indispensabile al corretto funzionamento del ginocchio in quanto, senza il tendine rotuleo, la rotula slitterebbe verso l’alto e verrebbe meno la leva che aiuta a estendere il ginocchio.

Il tendine rotuleo transita anteriormente a parte dell’articolazione del ginocchio e a parte dell’estremità prossimale della tibia: a separarlo dal ginocchio ci sono un cuscinetto di grasso (corpo di Hoffa) e la membrana sinoviale mentre a separarlo dalla tibia si trova la borsa infrapatellare profonda.

rotula e tendine patellare

La rotula è l’osso di forma triangolare che, collocato davanti a femore e tibia, crea la classica sporgenza visibile nella parte anteriore del ginocchio; sede d’inserzione per i tendini del muscolo quadricipite, garantisce protezione agli elementi articolari del ginocchio.

Osso sesamoide spesso, ha un aspetto che ricorda un triangolo rovesciato, con l’apice rivolto verso il basso e la base verso l’alto: rivestita di cartilagine e articolata all’estremità distale del femore tramite la sua superficie posteriore, la rotula contribuisce all’estensione del ginocchio, incrementando l’efficienza del muscolo quadricipite femorale. Qualora si parli di infiammazione del tendine rotuleo, solitamente è l’apice del triangolo rotuleo ad essere interessato visto che questa area, sulla faccia anteriore e sulla faccia posteriore, che trova inserzione l’estremità prossimale del legamento rotuleo.

alterazioni del tendine patellare

Il tendine rotuleo può essere oggetto di processi flogistici, osteocondrosi o rottura, condizioni patologiche in grado di creare dolore e limitazioni funzionali del ginocchio: una parte significativa di questi quadri disfunzionali sono riconducibili agli effetti del sovraccarico funzionale a cui spesso viene sottoposta questa articolazione.

La tendinite rotulea (inocchio del saltatore) è un tipico esempio di un danno conseguente all’eccessiva sollecitazione del ginocchio conseguenti alla ripetizione di un gesto: infatti la causa principale dell’infiammazione del tendine patellare sono attività come la pratica di sport quali la pallavolo, il basket, il calcio, l’atletica leggera, il tennis, la ginnastica artistica o lo sci, ma anche in persone come i piastrellatori di pavimenti, gli autotrasportatori o i guidatori di muletti. La tendinite rotulea causa una sintomatologia abbastanza tipica, che comprende il dolore e l’indolenzimento sotto il ginocchio, l’ispessimento del tendine rotuleo e senso di rigidità.

Una tendinite rotulea trascurata può portare alla rottura del tendine rotuleo, un infortunio conseguente alla lacerazione parziale o completa del legamento: in genere, il fattore scatenante è un evento traumatico o una impact injury. Dolore acuto e improvviso sotto la rottura, rientranza palpabile al tatto in sede di lacerazione, gonfiore e formazione di un livido in corrispondenza del tendine rotuleo, senso di cedimento a livello del ginocchio e difficoltà a camminare sono i principali sintomi all’elemento più importante: lo slittamento verso l’alto della rotula, dovuto alla mancanza dell’ancoraggio alla tuberosità tibiale.

« Indice del Glossario