Disturbi Disfunzionali Gastro-Intestinali: soluzioni possibili?

ultimo aggiornamento: 11 aprile 2017 alle 16:50

curarsi o prendersi cura? (pagina 1) ← torna

poliedricità dei segni – “terapia” eclettica…

Un aspetto fondamentale, da non sottovalutare da un punto di vista prognostico, è che l’IBS è un disturbo tendenzialmente cronico ed i sintomi hanno un andamento discontinuo con un’alternanza di periodi di recrudescenza sintomatologica e periodi di benessere. La commistione con alterazioni psicosomatiche, eventi stressanti, disordini alimentari, pone delle difficoltà oggettive che non sono sempre superabili senza una radicale modifica dello stile di vita.

Il sostegno e il supporto che un operatore qualificato e specializzato può offrire, è sicuramente molto importante, per migliorare la qualità di vita di chi soffre di questi disturbi, grazie al superamento dello stato di tensione e dello stress che accompagna queste manifestazioni. Il disagio emotivo, infatti, non solo è una conseguenza, ma spesso diventa una causa ulteriore, generando un’escalation negativa: il lavoro di rilassamento somato-emozionale è un elemento da integrare con i cambiamenti e il riequilibrio organico. 

Le tecniche di allentamento dello stress emotivo, che un Kinesiopata Osteopatico qualificato od un Kinesiologo Transazionale sono in grado di utilizzare, sono strumenti fondamentali per accelerare il processo di stabilizzazione di chi risente pesantemente dei disagi psicosomatici ed emotivi.

Uno fra gli strumenti efficaci a nostra disposizione, per la riduzione dello stress emotivo, è l’utilizzo dei riflessi Neuro-Vascolari, meglio conosciuti come “Riflessi di Bennett”: una serie di punti, posti prevalentemente sul cranio, in grado di facilitare il processo definito “neuro-emotional release” (letteralmente “liberazione neuro-emotiva”) che non necessita della partecipazione attiva di chi subisce il trattamento, ma è in grado di agevolare la riattivazione delle aree corticali, tramite l’inibizione del “blood-shift” conseguente allo stress.

Per approfondimenti al riguardo: “il “cervello trino” ed il controllo neuro-vascolare”.

somato-emotional release

Talvolta la Sindrome dell’Intestino Irritabile si sovrappone con altri quadri sintomatologici che possono essere, di volta in volta causa o effetto del problema stesso, in un intricato mix di sintomi e fattori scatenanti, cui si accavallano le componenti emotive spesso presenti in chi soffre di questo disturbi.

I “segni” tipici della malattia si sommano o sovrappongono ad altre manifestazioni intestinali, in una spirale dove ogni quadro, ogni “sindrome” mima, nasconde, ma allo stesso tempo, genera o rafforza le manifestazioni della consorella: intolleranze alimentari o micro-carenze nutrizionali, Sindrome dell’Intestino Permeabile o della Valvola Ileocecale, Disfunzionalità delle Valvole di Houston, aderenze viscerali o alterazione della motilità intestinale, disbiosi o candidosi, disturbi posturali o scheletrici, sono alcune fra le possibili concause che possono essere prese in considerazione dal professionista di Kinesiopatia® Osteopatica o dall’Operatore in Cranio-Sacral Repatterning®.

L’uso di test muscolari specifici, utilizzati in Kinesiologia Transazionale®, può essere un valido strumento per identificare i vari fattori stressogeni che agiscono sull’intero organismo o, più specificamente, sul sistema gastro-intestinale. L’identificazione delle aree primarie di squilibrio consente al professionista di orientare il proprio lavoro di riequilibrazione verso le priorità,  permettendo di riconoscere, nel “dedalo” sintomatologico”, quali assumano rilevanza per permettere un miglioramento delle manifestazioni o per risolvere le cause che sono alla base della Sindrome dell’Intestino Irritabile.

test kinesiologico

Nelle pagine seguenti vengono presentate, senza la pretesa di esaurire lo spettro delle possibilità o di approfondire sufficientemente ogni singola voce, alcuni aspetti prioritari da prendere in considerazione, per relazionarsi con la Sindrome dell’Intestino Irritabile:

francesco gandolfi

risorse:
     → colite spastica: la Sindrome dell’Intestino Irritabile

Lascia un commento