disbiosi

« Indice del Glossario

ultimo aggiornamento: 26 Aprile 2019 alle 17:05

Dal greco δυσβίωσις composto dal prefisso peggiorativo δυσ- (dys → male, anomalia, malformazione) e βίωσις‎ (bíōsis → tenore di vita), derivato, a sua volta, da βιόω (bióō → vivere) e -ωσις (-ōsis → suffisso indicante una condizione, uno stato o un processo): termine utilizzato per descrivere una condizione di squilibrio dell’ecosistema microbico dell’organismo ovvero un’alterazione potenzialmente patologica del microbiota; può essere considerato in antitesi con il concetto di simbiosi, stato che normalmente dovrebbe caratterizzare il rapporto fra flora microbica ed essere umano, contraddistinto da “un rapporto di reciproco vantaggio”.

Anche se il concetto di disbiosi è più comunemente visto  come una condizione di alterazione inerente il tratto digestivo, può essere applicato a ogni distretto corporeo (apparato respiratorio, cute, tratto uro-genitale): iperproliferazione microbica, superinfezione batterica, disbatteriosi (dysbacteriosis) sono tutte perifrasi che possono essere utilizzate come sinonimi per descrivere lo stato di alterazione alla base della disbiosi, ovvero un aumento della concentrazione di batteri (o microrganismi) potenzialmente nocivi a scapito della proliferazione del microbiota che vive in simbiosi mutualistica in quel particolare distretto corporeo.

La presenza di disbiosi sistemica è un evento raro e potenzialmente invalidante, come nel caso di alcune forme di candidosi recidivante (tordo cronico) che possono assumerne una diffusione pressoché ubiquitaria, localizzandosi a livello della cute (crosta lattea), del cavo orale (mughetto), del tratto gastro-intestinale e dell’apparato genito-urinario; le disbiosi distrettuali, più comuni, possono essere considerate responsabili di molti quadri sintomatici e disfunzionali  che si manifestano nell’uomo: un tipico esempio è quella forma di disbiosi intestinale chiamata sindrome da iperproliferazione microbica batterica (SIBO), che colpisce l’intestino tenue. Secondo alcuni ricercatori, l’asma e la BPCO possono essere associate a quadri di disbiosi polmonare.

« Indice del Glossario