Il Cranio-Sacral Repatterning®
nella Sindrome
dell’Intestino Irritabile

ultimo aggiornamento: 11 aprile 2017 alle 17:02

omeostasi – allostasi – patterns

Ogni volta che il nostro corpo subisce uno stress, il nostro organismo mette in atto una risposta difensiva, che ha lo scopo di adeguarci al mutamento della situazione e mantenere un stato di equilibrio.

Quando siamo sottoposti ad uno stimolo in grado di alterare il nostro equilibrio, l’organismo reagisce, per cercare di contrastare l’instabilità e favorire una risposta adattativa alla variazione dello “status quo”. Indipendentemente dal tipo di fattore scatenante, l’organismo risponde con una “reazione difensiva” alle forze che tendono ad alterare la propria “omeostasi”, cioè lo stato di equilibrio del momento; qualora lo stress sia significativo, le modalità con cui il nostro corpo si adatta alle esperienze e interagisce con l’ambiente, generano uno “schema reattivo”, che può essere definito “pattern”. La creazione di un modello di risposta comportamentale e neuro-ormonale, garantisce che qualora si debbano affrontare situazioni o stress assimilabili, le esperienze pregresse possano essere utilizzate rapidamente, attraverso una risposta stereotipata.

Per approfondimenti: “Stress: la Sindrome Generale d’Adattamento

logoramento da stress

Ogni stress genera non solo squilibri neuro-ormonali, ma tensioni mio-fasciali che devono essere organizzate per poter essere gestite: il processo di inertizzazione delle forze tensive che interagiscono sul corpo si attua attraverso la creazione di “barriere” e la formazione di fulcri inerziali. Questo meccanismo adattativo, se da un lato può essere vincente, a breve termine, per la sopravvivenza e l’adattamento, nel lungo periodo provoca limitazioni al libero fluire delle energie vitali.

Infatti, il “pattern” adattativo offre il vantaggio di poter organizzare gli squilibri e le tensioni generate dallo stress, in modo efficiente, in quanto ha garantito risultati precedentemente; ha anche il vantaggio di essere immediato, poiché non è necessario, per l’organismo, sperimentare alternative, essendo già stato collaudato in passato. Nel caso in cui ci siano sufficienti risorse adattative, grazie alla capacità di utilizzare il pensiero creativo, il corpo può cercare di migliorare l’interazione con l’ambiente, attraverso l’allostasi. L’esperienza, i ricordi, la attitudine all’anticipazione predittiva e la rivalutazione delle esigenze del momento, sono abilità che assumono un’importanza significativa durante il processo di risposta.allostasi

Viceversa, il perdurare degli schemi difensivi, creati come meccanismi di protezione e di salvaguardia dell’organismo, possono limitare significativamente la capacità energetica e di crescita dell’organismo. Qualora non siano più idonei alla realtà del momento, i patterns diventano un fattore ostativo, soprattutto in presenza di eventi significativi per la nostra sfera somato-emotiva, potendo generare non solo atteggiamenti scorretti, ma anche posture antalgiche (o viscerali).

francesco gandolfi

continua → CSR®: una tecnica delicata (pagina 2)

risorse:
     → colite spastica: la Sindrome dell’Intestino Irritabile