semeiotica

ultimo aggiornamento: 24 Maggio 2020 alle 19:55

definizione

Disciplina medica che ha per oggetto il rilievo e lo studio dei segni, cioè dei sintomi e delle manifestazioni delle malattie, che orientano verso la diagnosi: dal greco σημειωτική (sēmeiōtikḗ → studio, esame dei segni, derivato dal greco antico σημεῖον (semèion → segno) e dal suffisso ική (-iké → relativo a) o τέχνη (téchne → arte); detta anche semeiologia, da σημετον (simeton → segno) e λόγος (lógos → discorso).

la semeiotica nella valutazione multidimensionale

I criteri clinici di indagine non sono metodi diretti esclusivamente allo studio dei fenomeni morbosi, ma sono anche diretti allo studio dei fenomeni normali, perché la constatazione degli eventi fisiologici e dei segni usuali, cioè non patologici o eccezionali,  ha una grande importanza diagnostica, per permettere una valutazione differenziale fra le manifestazioni.

La semeiotica kinesiopatica (o in Kinesiologia Transazionale®) o la semeiotica cranio-sacrale sono strumenti importantissimi, per l’artigiano della salute, per raggiunge una corretta valutazione delle disfunzioni e, attraverso la noesi, identificare le aree su cui intervenire per riequilibrare il corpo, attivando l’innata vis medicatrix naturae presente in ogni individuo.

L’osservazione dei segni, assieme all’anamnesi, sono tasselli fondamentali per il professionista del ben-essere, per effettuare una corretta valutazione multidimensionale: permettono di cogliere la presenza di spine irritative, cofattori eziologici, agenti causali o fattori scatenanti in grado di depauperare le risorse dell’organismo.

« Indice del Glossario