muscolo sottoscapolare

« Indice del Glossario

ultimo aggiornamento: 1 Settembre 2017 alle 14:58

Subscapularis: di forma appiattita e contorno triangolare, posto sulla faccia anteriore della scapola, è il più potente di tutti i muscoli appartenenti alla “cuffia dei rotatori“; le disfunzioni di questo muscolo, frequentemente, sono la causa primaria dei problemi cronici alla spalla, poiché innescano una sequenza di eventi che coinvolgono gli altri tre rotatori appartenenti a questo gruppo, causando la sindrome mio-fasciale chiamata, appunto, “Sindrome della cuffia dei rotatori“. Origina dalle creste poste sul fondo della fossa sot­toscapolare e manda fasci convergenti in direzione supero-laterale, che passando sotto il processo coracoideo, anteriormente all’articolazione scapolo-omerale, aderendo posteriormente alla capsula articolare e ai legamenti gleno-omerali medio e inferiore, rinforzandoli e svolgendo un’azione di stabilizzazione dell’articolazione stessa; le fibre muscolari formano entesi, tramite un robusto tendine, sul trochine, la piccola tuberosità dell’omero. La faccia posteriore del muscolo poggia sulla fossa sottoscapolare, mentre il suo aspetto anteriore si rapporta con il muscolo dentato anteriore e con il fascio ­ascellare neuro-vascolare; è in diretta relazione con il muro mediale della guaina del tendine del capo lungo del muscolo bicipite, concorrendo alla formazione del legamento trasverso omerale, e con la componente mediale del legamento coraco-omerale. Contribuisce a mantenere la coesione dei capi articolari della spalla, stabilizzando l’articolazione, durante i movimenti della spalla, specialmente quando questi sono in direzione superiore, opponendosi alla lussazione anteriore dell’omero. La sua azione principale è quella di intra-rotatore dell’omero, attivandosi nel movimento di abbassamento e adduzione del braccio: il muscolo viene sollecitato, tipicamente, nella battuta a tennis, nel nuoto, o nel portare l’arto superiore del paziente nella regione dorsale in massima intra-rotazione. Le sue lesioni provocano una “Sindrome del muscolo sottoscapolare“. Vascolarizzato dall’arteria sottoscapolare e dall’arteria cervicale trasversa, è innervato dal nervo sottoscapolare superiore e dal nervo sottoscapolare inferiore (C5 – C6), che originano dal plesso brachiale.

« Indice del Glossario