cresta

« Indice del Glossario

Dal latino crista (→ pennacchio, ciuffo dell’elmo): sporgenza allungata, talvolta frastagliata, sulla superficie di un organo: il temine si riferisce, in particolare, alle strutture ossee ove tendono a formarsi digitazioni cristiformi (capellute, quindi simili ai crini) in corrispondenza delle entesi, come nel caso della cresta tibiale o della cresta iliaca; talvolta, qualora le superfici siano poco estese si parla di cercini (cresta del tubercolo maggiore o cresta del tubercolo minore, a livello del sulcus intertubercularis). Quando il termine si riferisce ad organi, di solito, vuole descrivere salienze della superficie, come nel caso della cresta acustica, a livello dell’orecchio interno, che tappezza i i canali contenenti i recettori per il senso vestibolare; oppure, in embriologia, la cresta dentaria (o lamina), un ispessimento dell’epitelio della mucosa boccale, che, come una cresta, penetra nel connettivo sottostante lungo i margini della mandibola e della mascella per dare sviluppo ai denti. Il lemma, nella sua accezione latina, viene usato per descrivere una protuberanza ossea a forma di cresta di gallo, a livello dell’etmoide: lamina crista galli.

« Indice del Glossario