eminenza tenar

definizione

In latino «eminentia thenar», è una prominenza del palmo della mano, situata lateralmente alla piega superiore: di forma grossolanamente triangolare con apice alla base del pollice,  è costituita da un complesso di elementi muscolari, situati sul palmo della mano; la cute sovrastante questa regione è l’area che si viene a stimolare quando si tenta di suscitare il riflesso di Marinescu-Radovici.

La particolare espressione «eminenza» deriva dal caratteristico rigonfiamento, che i suddetti muscoli producono alla base del pollice, ampiamente visibile osservando il palmo della mano, a dita ben distese, mentre il termine «tenar» deriva dalla parola greca ϑέναρ (thenar → palmo della mano, pianta del piede).

descrizione

L’eminenza tenar è fondamentale per la mobilità del pollice; grazie ai muscoli dell’eminenza tenar, infatti, l’essere umano è in grado compiere, con il pollice, i movimenti di abduzione (o adduzione), flessione e opposizione alle altre dita. Appartenenti alla categoria dei cosiddetti muscoli intrinseci della mano, i muscoli dell’eminenza tenar sono:

muscolo abduttore breve del pollice – sposta il pollice in posizione perpendicolare al palmo, staccandolo da quest’ultimo; è il muscolo più superficiale dei muscoli dell’eminenza tenar.

muscolo flessore breve del pollice – piega il pollice all’altezza della prima articolazione metacarpo-falangea, cioè l’articolazione che risiede tra il I metacarpo e la falange prossimale del pollice,  “arrotolandolo” sul palmo della mano; si trova accanto al muscolo abduttore breve del pollice, ed è suddiviso in capo superficiale e capo profondo.

muscolo opponente del pollice – il movimento attraverso cui l’essere umano, tramite la flessione e la rotazione della Ia articolazione carpo-metacarpale, contrappone il pollice alle altre dita della mano: l’opposizione del pollice è un movimento fondamentale per poter tenere in mano gli oggetti, poiché la maggior parte della destrezza manuale dell’essere umano deriva dalla possibilità di compiere questa azione; giace in profondità rispetto all’abduttore breve del pollice.

muscolo adduttore del pollice – occorre precisare che per molti autori deve essere considerato come appartenente ad una categoria a sé stante, mentre secondo altri, anche questo muscolo appartiene all’eminenza tenar, essendo responsabile dell’adduzione del pollice: questo movimento, opposto all’abduzione del pollice, consiste nel porre il pollice vicino al palmo; muscolo molto importante in tutte le azioni di prensione della mano, è il muscolo tenare più mediale e più profondo.

fisiopatologia

I muscoli dell’eminenza tenar possono perdere la loro normale funzionalità, nel momento in cui il nervo mediano o, seppur in misura minore, il nervo ulnare subiscono una lesione o una compressione.

Tra le più importanti condizioni mediche che vedono il coinvolgimento del gruppo muscolare dell’eminenza tenar, merita sicuramente una citazione la sindrome del tunnel carpale, una sindrome compartimentale derivante dalla compressione nervosa canalicolare del nervo mediano a livello del polso: questa sindrome, oltre a produrre dolore (iperalgesia), formicolio e senso d’intorpidimento all’avambraccio e a parte della mano (parestesia), causa l’atrofia dei muscoli dell’eminenza tenar nonché l’incapacità di piegare il pollice o afferrare gli oggetti.

« Indice del Glossario