torus mandibularis

« Indice del Glossario

Esostosi orale, ad eziologia sconosciuta, localizzata a livello del lato linguale (interno) della mandibola, di norma nella regione canina e premolare, al di sopra della linea di inserzione del muscolo milo-ioideo; viene così definito per la sua forma, dal latino torus (→ cordone): clinicamente appare come una protuberanza ossea asintomatica, coperta da mucosa normale può essere considerato una manifestazione di iperostosi benigna. Generalmente asintomatici, si sviluppano lentamente, bilateralmente, frequentemente in modo simmetrico, solitamente con superficie liscia: possono raggiungere dimensioni tali da costituire un pavimento osseo al di sotto della lingua, congiungendosi con quelli controlaterali; sembra che la presenza di stress a livello locale, manifestazioni di bruxismo o quadri di distonia neuro-muscolare dell’area ioidea, come nel globus pharyngis, possano essere fattori favorenti. Può essere associato alla presenza di torus palatinus; a meno che non insorgano interferenze funzionali, quando si hanno disturbi alla dentizione, al linguaggio, alla masticazione o in caso di ricorrenti traumi della mucosa con ulcerazioni, i tori non richiedono alcun trattamento.

« Indice del Glossario