sinfisi mentoniera

« Indice del Glossario

Alla nascita, la mandibola è un osso diviso in due segmenti pari, che prendono il nome di emimandibola: fra le due porzioni, in corrispondenza del centro del mento, si trova la sinfisi mentoniera; durante lo sviluppo puberale, le due emimandibole si unisco tra loro, formando un osso unico. Nell’adulto rimangono solo le vestigia: la faccia esterna della mandibola, lungo la linea mediana si evidenzia una leggera cresta, che indica la zona dove era presente la sinfisi mentoniera: questa cresta divide e racchiude in basso una eminenza triangolare, la protuberanza mentoniera, un ispessimento dell’osso mandibolare dalla forma triangolare, la cui base è depressa nel centro ma rilevata su entrambi i lati (tubercoli mentali). Da entrambi i lati della sinfisi, appena sotto l’incisivo, si osserva una depressione, la fossa incisiva, che dà origine al muscolo mentale e ad una piccola porzione del muscolo orbicolare della bocca. La faccia interna è concava da parte a parte. Vicino alla porzione inferiore della sinfisi, si hanno due spine ossee simmetriche, dette apofisi geni, che danno origine al muscolo genioglosso; immediatamente al di sotto di queste si ha un altro piccolo paio di spine, o spesso una cresta mediana per l’origine del muscolo genioioideo. In alcuni casi le spine mentali sono fuse a formare una singola eminenza, in altri sono assenti e la loro posizione è semplicemente indicata da un’irregolarità della superficie ossea. Al di sopra delle apofisi geni talvolta è possibile osservare un foro e canale mediani, che marcano la linea di unione delle due metà originarie dell’osso. Al di sotto delle spine mentali, da entrambi i lati della linea mediana, è posta una depressione ovale (fossetta digastrica) per l’inserzione del ventre anteriore del muscolo digastrico.

« Indice del Glossario