iperestesia

ultimo aggiornamento: 21 Novembre 2020 alle 15:54

Esagerata eccitabilità sensitiva, sia nel campo della somatoestesia generale (tattile, termica, dolorifica), sia in quello dei sensi specifici (olfatto, udito, vista): le manifestazioni più comuni sono l’eccessiva sensibilità nel percepire stimoli applicati alla superficie cutanea o l’ipersensibilità alla luce intensa (fotofobia) e a rumori (fonofobia) e odori forti (iperosmia); dal greco ὑπέρ– (hypèr– → sopra) e αἴσϑησις (aísthisissensazione, sensibilità, percezione).

L’iperestesia può essere la causa dell’insorgenza di iperalgesie o disestesie; osservabile frequentemente in soggetti nevrotici e nelle malattie con lesioni del sistema nervoso, come nel caso di meningiti o meningismi, nevriti o mieliti, sclerosi multipla presente in alcune malattie infettive, come il tetano, l’herpes zoster (fuoco di Sant’Antonio, varicella), poliomielite o la rabbia: è un sintomo anche di intossicazioni o di avvelenamenti, in particolar modo da stricnina.

« Indice del Glossario