cromogranina A

« Indice del Glossario

La cromogranina A è una glicoproteina che, al pari delle catecolamine viene secreta dalle cellule della midollare del surrene e del sistema nervoso simpatico: viene utilizzata, in ambito clinico, come marker bioumorale specifico per i tumori neuroendocrini, in particolare per il feocromocitoma, il neuroblastoma ed i carcinoidi o nei carcinomi che contengono cellule con una parziale differenziazione neuroendocrina, come il tumore polmonare a piccole cellule (oat cell), nel carcinoma midollare della tiroide e nei carcinomi epiteliali con differenziazione neuroendocrina (prostata, mammella, ovaio, pancreas, colon).

Elevati livelli di cromogranina A si riscontrano in presenza di stress psicofisici severi, insufficienza epatica e renale, e in caso di assunzione di particolari farmaci, come l’omeprazolo e gli altri inibitori della pompa protonica.

La cromogranina A è una proteina acida, contenuta nei granuli densi delle cellule di origine neuroendocrina, insieme a sostanze analoghe, come la cromogranina B e la secretogranina II, con le quali viene co-secreta. Questi granuli sono distribuiti in maniera ubiquitaria nei tessuti endocrini, neuroindocrini e del sistema nervoso centrale e periferico. La cromogranina A è la proteina precursore di diversi peptidi funzionali compresa la vasostatina, la pancreastatina, la catestatina e la parastatina.

Il dosaggio sierico della Cromogranina A rappresenta un ausilio diagnostico molto utile, dal momento che i tumori neuroendocrini sono neoplasie subdole, perché difficilmente diagnosticabili negli stadi iniziali a causa delle ridotte dimensioni, della crescita lenta e della sintomatologia aspecifica, che, quando presente, può includere diarrea, nausea, vomito, tachicardia, insorgenza improvvisa di calore al viso e al collo, con arrossamento locale, dispnea, tosse e difficoltà respiratorie.

 

 

« Indice del Glossario