iporeflessia

definizione

Diminuzione della capacità di reagire. con una risposta nervosa riflessa, a determinati stimoli meccanici applicati alla superficie cutanea o alle strutture osteo-tendinee conseguente, frequentemente, a lesione dei centri spinali; il termine è composto dal prefisso ipo– (dal greco ὑπό → sotto, in quantità minore, meno) e dal termine latino reflexus, participio passato di reflectĕre (→ che si riflette, che ritorna cioè su chi agisce). La scomparsa completa dei riflessi nervosi, cutanei o osteo-tendinei, viene invece definita areflessia, mentre la risposta eccessiva è definita ipereflessia.

Un’iporeflessia può manifestarsi come conseguenza di lesioni acute cerebrali o midollari (emorragia cerebrale, stati di coma) oppure essa può determinarsi in tutte le lesioni che interessino, in un punto qualunque, le diverse strutture nervose che compongono l’arco riflesso (nelle polineuriti sensitivomotorie, nelle radicoliti); può anche essere l’espressione, a volte molto precoce, di una malattia muscolare primitiva (miopatia).

L’iporeflessia è generalmente associata a un deficit dei motoneuroni inferiori (a livello dei motoneuroni alfa dal midollo spinale al muscolo), mentre l’iperreflessia è spesso attribuita alle lesioni dei motoneuroni superiori (lungo i lunghi tratti motori dal cervello); si pensa che i motoneuroni superiori inibiscano l’arco riflesso, che è formato da neuroni sensoriali delle fibre intrafusali dei muscoli, dai neuroni motori inferiori (comprese le fibre motorie alfa e gamma) e dagli interneuroni pertinenti: un danno ai motoneuroni inferiori comporterà iporeflessia e / o areflessia.

Nello shock spinale, conseguente alla  transezione del midollo spinale (lesione del midollo spinale), l’areflessia può verificarsi transitoriamente al di sotto del livello della lesione e può, dopo un po ‘di tempo, diventare iperreflessica; casi di grave atrofia o distruzione muscolare potrebbero rendere il muscolo troppo debole per mostrare qualsiasi riflesso e non dovrebbero essere confusi con una causa neuronale.

L’iporeflessia può avere altre cause, come l’ipotiroidismo, lo squilibrio elettrolitico, l’intossicazione da benzodiazepine (associata a confusione, linguaggio confuso, atassia, sonnolenza, dispnea).

« Indice del Glossario