tinnitus

ultimo aggiornamento: 24 Agosto 2020 alle 0:10

definizione

Forma di paracusia che si genera nell’orecchio e che costituisce uno dei più frequenti disturbi dell’udito: può manifestarsi mono o bilateralmente e deve essere considerato un sinonimo di acufene; il termine deriva dal latino tinnītŭs che significa letteralmente tintinnio, ronzio, squillo.

Può essere classificato come tonale, in genere derivanti da un danno dell’orecchio medio o interno, associato frequentemente a ipoacusia, o non tonale che, in genere è di origine meccanica ed è causato dalle strutture non nervose dell’orecchio e dei tessuti adiacenti (muscoli della tuba uditiva, muscolo tensore del timpano, muscoli faringei, vasi arteriosi) , venendo percepito dal soggetto come pulsatile e asimmetrico, come se originasse da un punto del cranio.

Per ulteriori informazioni consultare l’articolo “il suono annichila la grande bellezza del silenzio„

« Indice del Glossario