Teoria Umorale

« Indice del Glossario

ultimo aggiornamento: 25 Agosto 2017 alle 12:07

Detta anche “Medicina Ippocratica” è una visione filosofica dell’universo, applicata alla cura dell’essere umano: può essere definita come una delle prime teorie eziologiche della storia della medicina. A differenza della visione salvifica, che  considera le malattie come espressione della volontà divina o dalla magia e che vede la patologia come punizione comminata dagli dei capricciosi o come “mal occhio” o “cattiva sorte” o, peggio ancora sortilegio o “malanimo”, Ippocrate associa il “πάθος” (pathos, cioè la sofferenza, dal greco πάσχειν (paschein → soffrire [nell’animo], emozionarsi); agli squilibri fra gli umori, presenti all’interno dell’uomo e la disarmonia rispetto all’ecosistema che lo circonda. Tali umori, che definiscono il temperamento della persona, sono, di fatto, assimilabili ai fluidi corporei:  atrabile, bile gialla,  flegma e umore rosso.

« Indice del Glossario