muscoli spino-appendicolari

ultimo aggiornamento: 19 Luglio 2018 alle 19:04

Col termine muscoli spino-appendicolari si intendono, comunemente, i muscoli dorsali presenti a livello del piano muscolare superficiale: detti anche muscoli del piano superficiale, hanno origine della colonna vertebrale, prevalentemente dalle apofisi spinose delle vertebre e dal legamento interspinoso,  e si inseriscono sul cingolo scapolare e sull’omero; insieme ai muscoli spino-costali, ai muscoli toraco-appendicolari (che originano dal torso) ed al muscolo diaframma, costituiscono i muscoli estrinseci del torace. Possono anche essere considerati muscoli estrinseci dell’arto superiore; si dispongono in due strati e comprendono:

  • muscolo trapezio;
  • muscolo grande dorsale;
  • muscolo grande romboide e muscolo piccolo romboide;
  • muscolo elevatore della scapola.

Sono tutti innervati da rami del plesso brachiale, ad esclusione del muscolo trapezio, che è innervato dal nervo accessorio spinale e da rami del plesso cervicale.

Per approfondimenti si veda nel thesaurus la pagina dedicata ai muscoli spino-appendicolari