algesia

ultimo aggiornamento: 24 Giugno 2018 alle 1:27

Dal greco ἄλγησις (álgisis → senso di dolore), derivato da ἄλγος (álgos → dolore): dolorabilità, sensibilità al dolore: modalità con cui viene percepito soggettivamente il dolore, in termini di intensità e caratteristiche; è determinata sia da fattori soggettivi di percezione a livello del sistema nervoso centrale, sia da situazioni anatomiche, fisiologiche e patologiche, che condizionano il modo, gli attributi e le peculiarità della sensibilità dolorifica. Fra i fattori nervosi centrali che possono condizionare le modalità percettive, si annoverano le lesioni talamiche e l’assunzione di alcol, droghe, o analgesici oppioidi; a livello periferico, le neuropatie di qualsiasi genere (prime fra tutte quella diabetica e quella alcolica) sono i principali fattori da prendere in considerazione. Tra le cause anatomiche non nervose vi sono varianti anatomiche personali congenite o acquisite, come le lesioni mandibolari nei dolori del nervo trigemino, oppure la malocclusione dentaria nella cefalea.