cisterna liquorale

ultimo aggiornamento: 29 Luglio 2018 alle 1:11

Dal latino cistĕrna (→ cisterna), indica un serbatoio, una formazione, in cui confluiscono liquidi circolanti, che ha la capacità di accoglierli e contenerli; l’aggettivo liquorale sottolinea che il fluido contenuto in questa “raccolta” è liquor. Può essere considerata una porzione espansa dello spazio subaracnoideo, che si origina in seguito a una separazione fra le leptomeningiil fenomeno è più frequente in tutte le zone in cui encefalo e cranio non sono in stretto rapporto, come avviene a livello della base cranica, o nello spazio che si crea nella zona lombo-sacrale, come conseguenza della formazione del cono midollare e del filum terminale: nella teca cranica, mentre la pia madre riveste intimamente tutto il sistema nervoso, approfondendosi nelle scissure e nei solchi fra le circonvoluzioni cerebrali, l’aracnoide e la dura madre vi passano a ponte, formando in questo modo delle dilatazioni dello spazio subaracnoideo. Le cisterne sono piene di liquido cefalo-rachidiano; le principali cisterne liquorali sono:

« Indice del Glossario