aborale

ultimo aggiornamento: 6 Maggio 2018 alle 15:59

Parola composta, di origine latina, derivata da ab (→da) e os, oris (→bocca): letteralmente può essere tradotta con “che sta lontano dalla bocca”; il suo contrario è adorale o, semplicemente, orale. Termine utilizzato in anatomia per indicare la direzione o la posizione opposta a quella della bocca, il polo opposto al polo orale. Parlando di localizzazioni, o direzioni, letteralmente significa “dalla parte opposta alla bocca” (aborale), in antitesi a “vicino alla bocca” (orale). Se riferito, ad esempio, ai movimenti del tratto gastroenterico viene a indicare la direzione del movimento stesso: la peristalsi è un movimento aborale, e cioè finalizzato a trasportare il materiale fecale verso il retto (o in direzione caudale); invece il movimento del vomito ha direzione orale, e cioè mira a spostare il materiale dallo stomaco alla bocca, per essere ovviamente espulso.

« Indice del Glossario