A.T.M.

definizione

Acronimo per articolazione temporo-mandibolare, ovvero l’articolazione interposta fra l’osso mandibolare e l’osso temporale, in particolare il giunto che mette in connessione il condilo mandibolare con la fossa glenoidea del temporale.

L’A.T.M. svolge la funzione di articolare il movimento complesso della mandibola nei tre piani dello spazio, fondamentali per la masticazione e la fonazione: si distinguono movimenti simmetrici di apertura, chiusura, protrusione, retrusione ed altri asimmetrici come i movimenti di lateralità, la masticazione e altri movimenti automatici; si riconoscono dei movimenti limite, cioè tutti quei movimenti che l’articolazione concede come estremi alla mandibola e dei movimenti di contatto, ovvero tutti quei movimenti che avvengono mantenendo un contatto fra i denti delle due arcate (protrusione, lateralità, retrusione).

I disturbi dell’A.T.M. sono inseribili fra i disordini cranio-mandibolari, e non devono essere limitati alla considerazione della malocclusione o del bruxismo, ma piuttosto considerati deficit articolari nell’ambito di complessi quadri sintomatologici espressione della poliedricità causale.

« Indice del Glossario