distrofia

ultimo aggiornamento: 2 Maggio 2020 alle 22:12

etimologia  – definizione

Derivato dal greco δύστροϕος (dýstrofos → anomalia nutrizionale), composto da δυσ– (dys– → prefisso dal significato peggiorativo, difficile, indicante alterazione, malformazione, difetto, funzionamento anomalo, difficile…) e τρέϕω (tréfo → nutrire): alterazione, congenita o acquisita, del trofismo di singoli tessuti o dell’intero organismo, viene utilizzato per descrivere i disturbi della nutrizione; l’alterazione trofica dei tessuti o degli organi induce, generalmente, metamorfosi regressive degli elementi cellulari, che possono portare all’atrofia o alla degenerazione dei parenchimi.

Questi fenomeni inducono depauperamento delle cellule proprie, provocando, talvolta fenomeni di metaplasia o modificando la morfologia grossolana degli organi.

Quando le turbe nutritive sono transitorie è possibile di solito una completa riparazione per rigenerazione delle parti perdute o per ipertrofia di quelle residuate, quando il tessuto ha scarse possibilità rigenerative; qualora persista l’alterazione della nutrizione, il processo riparativo si compie solitamente con una proliferazione più o meno vivace del tessuto stromale che conduce a una sclerosi o cirrosi dell’organo con maggiore o minore compromissione della funzione di esso.

Le cause possono riconoscersi in alterazioni dello stesso apparato cardio-vascolare e linfatico che presiedono fondamentalmente all’apporto nutritivo dei tessuti; altre volte stanno in lesioni di vario ordine del sistema nervoso centrale (centri trofici) o di quello periferico; esse possono risalire anche al periodo dello sviluppo embrionale (distrofie congenite) provocando vizi formativi degli organi (disontogenie).

« Indice del Glossario