muscolo palato-stafilino

ultimo aggiornamento: 10 Settembre 2020 alle 23:39

descrizione – anatomia topografica

Detto anche, in latino, «musculus uvulae» (muscolo uvulare), assume il nome  palato-stafilino da palato (palatinum) e dal greco περι– (perí– → intorno) e σταϕύλη (staphylḗ → piccolo acino d’uva).

origine – decorso – inserzione

Origina dalla faccia posteriore dell’aponeurosi palatina,  in prossimità della spina nasale posteriore e termina assottigliandosi all’apice dell’ugola, controllandone lo stato di tensione; la solleva e la accorcia, intervenendo nei processi di deglutizione e fonazione.

azione – funzione – innervazione

Innervato dalla branca faringea del nervo vago, retrae l’ugola ed ispessisce il terzo mediale del palato molle, coadiuvando il muscolo elevatore del velo pendulo, con cui condivide l’innervazione, nella chiusura dell’accesso al rinofaringe; l’innervazione sensitiva vagale lo coinvolge, assieme all’ungula,  nei riflessi difensivi del rinofaringe il gag reflex, il laringospasmo od il vomito.

« Indice del Glossario