ipersessualità

La dipendenza sessuale (sex addiction o sex dependence) è un disturbo psicologico e comportamentale contraddistinto da pensieri e fantasie sessuali intrusive (dal pensare al sesso continuamente) associate a perdita di controllo sui comportamenti sessuali o dalla necessità ossessiva di avere rapporti sessuali: deve essere considerata una dipendenza analoga a quella che si può avere nelle tossicomanie, come la ludopatia o lo shopaholism, associate a fenomeni di craving (intenso desiderio della cosa dalla quale l’individuo dipende), di assuefazione e a sintomi di astinenza; il disturbo da comportamento sessuale compulsivo (Compulsive Sexual Behaviour) è caratterizzato dal persistente fallimento di controllare i propri impulsi sessuali, intensi e ripetitivi, o la compulsioni ad attuare comportamenti sessuali ripetitivi, spesso con scarso appagamento o nessuna soddisfazione. Il sesso tende a divenire il fulcro dell’attenzione potendo indurre chi è affetto da questo atteggiamento maniacale a trascurare la propria salute, la cura della persona o altri interessi, attività e responsabilità nella sfera personale, familiare, sociale, educativa, occupazionale o in altri importanti ambiti funzionali.

Spesso il disturbo di ipersessualità, può manifestarsi in associazione a disturbi psichiatrici quali il disturbo bipolare o sindromi depressive, come sintomo secondario del disturbo dell’umore; quando si manifesta in forma primaria è, a tutti gli effetti, un’effettiva dipendenza, al pari di altre come l’alcolismo e la tossicodipendenza: l’atto sessuale diviene l’unica (o prevalente) modalità per gestire lo stress o i disturbi della personalità e dell’umore. L’ipersessualità si manifesta nell’attitudine dell’uomo o della donna a essere pronti, in qualsiasi luogo e con qualsiasi persona, a copulare oppure a praticare atti di masturbazione (a volte anche compulsiva), esibizionismo e voyeurismo; malgrado i ripetuti tentativi di ridurre la frequenza del comportamento sessuale disfunzionale, chi è affetto da ipersessualità non riesce a controllare le sue compulsioni, spesso in associazione con disturbi della personalità e dell’umore quali ansia, depressione, aggressività, ossessività e compulsività.

Secondo alcuni studiosi la dipendenza sessuale può essere inserita fra le dipendenze da sostanza e le tossicomanie, derivanti da una componente organica: una disfunzione del sistema dopaminergico e di quello serotoninergico, sarebbero alla base della ricerca compulsiva ed incontrollata della soddisfazione sessuale; il neurotrasmettitore della dopamina emesso dai neuroni localizzati nel sistema limbico (nucleus accumbens) verrebbe rilasciato in maniera regolata nei soggetti affetti dal disturbo. Nell’eziologia dell’ipersessualità, si ritiene sia presente anche un coinvolgimento del neurotrasmettitore serotonina, ormone neuronale che fa sperimentare la sensazione di felicità, sazietà e appagamento: partendo dai neuroni serotoninergici situati nella corteccia prefrontale, le afferenze serotoninergiche proiettano sul nucleus accumbens modulando la produzione di dopamina e regolando così l’inibizione volontaria e il controllo del comportamento; nei soggetti affetti da patologie della disregolazione degli impulsi e del disturbo ossessivo compulsivo sarebbe proprio questa funzione ad essere inficiata.

A causa della dipendenza sessuale la persona può riportare conseguenze a vari livelli: fisico, economico, emotivo, cognitivo e sociale; a livello fisico, la persona può sviluppare disfunzioni sessuali tradizionali (eiaculazione precoce o ritardata, disturbo del desiderio sessuale), malattie veneree o problemi come ulcera, pressione alta, vulnerabilità alle malattie, esaurimento nervoso o alterazioni del sonno. La dipendenza dal sesso (o ipersessualità) ha un profondo impatto sulla vita emotiva della persona (a seconda dei casi si può sperimentare un incremento dell’ansia, inadeguatezza, colpa, vergogna, depressione e aggressività) e può avere profondi effetti anche sui processi mentali, come l’intrusione di pensieri e fantasie non volute che possono impedire alla persona di lavorare e concentrarsi su una normale occupazione; una buona percentuale dei dipendenti sessuali deteriora progressivamente i propri rapporti affettivi e relazionali e presenta gravi problemi di coppia.

« Indice del Glossario