fecaloma

« Indice del Glossario

ultimo aggiornamento: 11 Gennaio 2019 alle 20:12

Formato dalla radice latina faex [faecis] (→ feccia) ed il suffisso derivato dal greco –ωμα (-oma) che indica affezioni infiammatorie o formazione di masse, tumefazione: massa fecale, di elevata consistenza e densità derivante dalla progressiva disidratazione, conseguente al ristagno all’interno dell’intestino crasso, che si manifesta in soggetti affetti da stitichezza cronica, come avviene in caso di scibala. In presenza di condizioni predisponenti, un ammasso di feci disidratate può impregnarsi di sali di calcio e assumere l’aspetto di un sasso (fecalita o coprolita); la presenza di un fecaloma può provocare dolore e talvolta può addirittura indurre un’occlusione intestinale, in quanto possono essere difficilmente evacuati dal retto.

« Indice del Glossario