Eròfilo

ultimo aggiornamento: 16 Agosto 2017 alle 21:22

Eròfilo (Calcedonia 335 a.C. † Alessandria d’Egitto 280 a.C.). Medico greco-ellenistico, noto come primo anatomista della storia e per essere stato, insieme ad Erasistrato, il fondatore della grande scuola medica di Alessandria d’Egitto. Le sue opere sono andate disperse ma ne conosciamo in parte il contenuto (specialmente quella sull’anatomia) perché sono spesso citate da Galeno e altri autori. Studiò l’anatomia umana con diligenti osservazioni sul cadavere; per primo descrisse il quarto ventricolo, il calamus scriptorius, i plessi corioidei, il confluente dei seni (torcolare di Erofilo). Studiò, con particolare attenzione l’osso ioide, il duodeno, il fegato, l’arteria polmonare, il polmone, la prostata, le vescichette seminali e l’occhio. Scoprì i nervi, distinguendoli dai tendini, e differenziandoli in nervi sensori e nervi motori; individuò nel cervello il centro del sistema nervoso e la sede dell’intelligenza. Introdusse una terminologia nuova e convenzionale per individuare le strutture anatomiche da lui scoperte, assumendo rilevanza nell’evoluzione delle concezioni linguistiche: molti dei termini da lui introdotti sono ancora usati nella terminologia anatomica.

« Indice del Glossario