ciclo mestruale

ultimo aggiornamento: 16 Aprile 2021 alle 18:53

definizione

Si parla di ciclo mestruale, riferendosi al complesso di modificazioni cui vanno incontro gli organi riproduttori della donna indicativamente ogni 28 giorni circa, e la cui manifestazione più appariscente è il flusso di sangue attraverso la vagina, chiamato mestruazione.

Sinonimo di catameniale, talvolta viene utilizzato anche nella sua forma più arcaica, menstruale (mènstrüale), l’aggettivo mestruale è derivato dal latino menstrualis (→ d’ogni mese; dei mestrui):  l’uso grammaticale al plurale indica una data ciclicamente ricorrente; il sostantivo mestruo discende dall’avverbio di tempo menstrŭum (→ una volta al mese), che a sua volta origina dalla radice greca μην (mēn → mese).

ritmi circamensili nella donna

Durante il ciclo mestruale avvengono modificazioni ormonali e funzionali dell’organismo, dipendenti dall’interazione fra gli estrogeni ed il progesterone: nella prima parte del ciclo, l’ormone FSH induce crescita dell’endometrio e del follicolo ovarico mentre nella seconda parte l’LH prepara la cavità uterina ad accogliere l’eventuale ovocita fecondato.

Se non vi è fecondazione la parte dell’endometrio preposta all’attecchimento (decidua), cade, provocando il flusso mestruale cioè la mestruazione: l’espulsione della parte decidua dell’endometrio tramite la mestruazione è accompagnata da contrazioni uterine, che possono essere dolorose (dismenorrea).

Alterazioni del ciclo e del flusso mestruale dipendono da molteplici cause: neuro-endocrine, psichiche, ovariche, uterine, organiche.

« Indice del Glossario