ricostruzione mammaria

Con il termine di ricostruzione mammaria, si intende l’intervento chirurgico di mastoplastica applicato a seguito di una mastectomia: il desiderio di riacquistare una qualità della vita accettabile, anche dal punto di vista psicologico, da parte delle donne che hanno subito l’exeresi della ghiandola mammaria, ha portato negli ultimi anni ad una notevole evoluzione della chirurgia ricostruttiva. Nelle ricostruzioni mammarie, per ristabilire forma e dimensioni del seno, si utilizzano, quando possibile, le parti anatomiche proprie (cute, muscoli e grasso) alle quali si aggiungono materiali eterologhi come le protesi mammarie; spesso è necessario ricorrere espansori cutanei per poter ottenere sufficiente cute (di solito insufficiente) per poter ottenere le dimensioni desiderate. In un secondo momento, in genere, si provvede alla ricostruzione del complesso areola-capezzolo e all’eventuale rimodellamento della mammella controlaterale.

« Indice del Glossario