cortisolemia

Crasi fra la parola cortisolo, derivato da cortex (→ corteccia, sottintendendo quella della ghiandola surrenale) ed –olo (suffisso che indica la presenza in un composto organico “alcoolico”), e il suffisso -emia, dal greco αιμία (-aimía), derivato da αμα (haîma → sangue), che viene utilizzato per indicare la concentrazione di una sostanza nel sangue. Il cortisolo è un ormone prodotto dalle cellule della fascicolata del surrene grazie alla stimolazione  dell’ormone ipofisario ACTH, sia come glucocorticoide in grado di regolare i ritmi circadiani, sia in risposta allo stress, perché la sua produzione aumenta, appunto, in condizioni di logorio psico-fisico severo, come risposta a forti tensioni somato-emotive o in caso di attività fisiche estremamente intense e prolungate. Si parla di ipercortisolemia in caso di aumento della sua concentrazione, mentre qualra si verifichi una diminuzione della stessa, il termine utilizzato è ipocortisolemia.

« Indice del Glossario