doccia

« Indice del Glossario

Il termine nasce da una serie di trasformazioni linguistiche che da doccio, dal latino dŭctium (→ condotto, ma anche tegola ricurva), fanno risalire la parola doccia al verbo dúctiare (→ far scorrere), a sua volta derivato da dúcere (→ condurre): in termini anatomici si definisce doccia come un canale di sezione semicircolare o sagomata, una scanalatura nel quale si osservano due fianchi quasi verticali raccordati alla base fra di loro da un semicerchio, ricordando un avvallamento; depressione allungata, presente sulla superficie di alcune ossa, che può ospitare muscoli, nervi o vasi sanguigni, come ad esempio, la doccia dell’omero, la doccia timpanica, la doccia vertebrale, spesso trasformata in canale da una membrana, come la doccia che costituisce il canale otturatorio dell’osso pubico. Il termine viene utilizzato anche per definire  un’ortesi di sostegno, cioè un apparecchio ortopedico di gessato, metallico o di altro materiale rigido, a forma di canaletto, che permette di immobilizzare un arto nella posizione desiderata.

« Indice del Glossario