avataras:
gli oleoliti
alchemico-spagirici

ultimo aggiornamento: 8 dicembre 2017 alle 17:17

vis medicatrix naturae

«La forza guaritrice della natura»: la massima, attribuita a Ippocrate (νονσων φνσεις ιητροι), riassume uno dei principii guida della cosiddetta “medicina naturale”, l’idea, cioè che la natura offre i mezzi per permettere agli organismi di potenziare le proprie energie e di attivare gli innati strumenti di auto-guarigione, presenti in ognuno di noi. Questa concezione fondamentale della “medicina ippocratica“, nasce nel solco delle antiche tradizioni della medicina babilonese ed egiziana, che considerano l’individuo come un elemento inserito nel suo ecosistema somato-emozionale, energetico, spirituale ed universale: l’idea di fondo è che la malattia nasce dalla disarmonia fra l’individuo ed il mondo in cui vive, come espressione della dissonanza fra la persona e le energie che lo circondano; la visione filosofica che sta alla base del concetto di salute e malattia, non è molto dissimile dai concetti della medicina tradizionale cinese o da quella vedica, dove l’influenza delle energie celesti si intrecciano con le forze creatrici dell’uomo. È una “scienza della salute” basata su una visione cosmica e, allo stesso tempo, unitaria; l’idea che l’uomo non sia altro che un microcosmo, una parte del mondo che riflette in sé l’armonia del macrocosmo, in cui la natura individuale possiede i caratteri e le funzioni dell’energia vitale che impernia la natura, che è la suprema regolatrice dell’armonia necessaria alla vita.

Le stagioni, le fasi che caratterizzano lo scorrere della vita, incarnano un’energia spirituale e cosmica che si riflette nelle manifestazioni somato-emozionali di ognuno di noi.

Ut supra, sic infra, sicut supra, et infra„ è una frase cheThoth, dio della magia conosciuto anche come Ermete Trismegisto ("Hermes il tre volte grande"),, generalmente, viene fatta risalire a Thoth, il dio della magia conosciuto anche come Ermete Trismegisto (“Hermes il tre volte grande“): un’affermazione che ci vuole ricordare come esista una interrelazione fra il mondo esteriore e quello interiore; quando si crea dissonanza fra le due manifestazioni, nasce la malattia. Il corpo, inteso come entità somato-emozionale e spirituale, possiede in sé i mezzi della guarigione: la Natura è il medico delle malattie e non bisogna dimenticare che molte malattie possono regredire, se la nostra energia vitale risanatrice, cioè la Vis Medicratrix Naturae, ha la possibilità di agire autonomamente e liberamente, seguendo la naturale tendenza a ritrovare il benessere e l’equilibrio, quando permettiamo alla “intelligenza biologica” che è in ognuno di noi, di espletare la sua “forza” vitale.

francesco gandolfi

continua → cosa sono le articolazioni (pagina 2) 
→ 
articolazioni anatomiche – articolazioni funzionali (pagina 3)
una visione funzionale delle articolazioni (pagina 4)