retrusione

« Indice del Glossario

Dal latino retrudĕre (→ ritirare), composto da re- (→ prefisso verbale che indica movimento in senso opposto) e trùdere (→ spingere): spingere indietro; movimento di arretramento, rispetto alla posizione fisiologica, di un’arcata dentale; il muscolo che ha per azione principale il movimento di retrusione è detto retrusore, mentre i muscoli antagonisti al primo motore sono detti protrusore. Il movimento si attua per semplice traslazione dei condili dell’articolazione tempo-mandibolare, ed  caratterizzato, se riferito al movimento della mandibola, dallo spostamento in senso antero-posteriore proseguendo fino al limite impostole dalle particolari condizioni anatomiche della cavità glenoidea dell’ATM.  La retrusione della mandibola è effettuata grazie all’azione di:

  • muscolo digastrico: attraverso l’azione del ventre anteriore, retrude la mandibola, se questa è protrusa in avantii;
  • muscolo temporale: i fasci posteriori, ad andamento orizzontale esprimono un vettore che facilita la traslazione della mandibola in direzione posteriore;
  • muscolo milo-joideo e muscolo genio-joideo: a joide fisso, retrudono la mandibola in direzione infero-posteriore.
« Indice del Glossario